Il Melograno


La sua vera origine si perde nella notte dei tempi, si riscontrano  presenze dei suoi semi perfino nelle caverne primitive. La versione ufficiale lo vorrebbe originario dell’Africa e dell’Asia, secondo altri, della regione mediterranea. In Italia viene coltivato nei luoghi caldi e la sua coltura si spinge fin nelle regioni tropicali dove, rinselvatichito, si può ammirare nella forma naturale: più cespuglioso e ramificato fin dal basso. Si presta a tutti i sistemi di riproduzione, comunque la più semplice è per  talea . Il suo frutto, la melagrana, è sferico e grosso, di color giallo-verde con aree rossastre che ricordano tutti i colori dell’ Autunno. Diviso nell’interno in compartimenti sovrapposti, per mezzo di tramezzi straslucidi di colore biancastro, viene generalmente consumato fresco da persone armate di tanta pazienza, Il sapore del succo dipende dalla varietà: alcuni sono molto dolci altri più aspri. Normalmente il sapore ha una base dolce ed un fondo acidulo con un tono leggermente amaro dato dal tannino. Il succo di melograno, soprattutto i semi, è ricco di vitamina C e del gruppo B, di potassio e notevoli quantità di polifenoli notoriamente atti “a sequestrare” i radicali liberi: questi ultimi sono dei meccanismi che recano il danno cellulare più importante: il cancro. Il succo ha, inoltre, proprietà blandamente diuretiche, si usa anche nella preparazione di sciroppi e della “ Granatina”.

E’ necessario, a questo punto, sottolineare che quasi tutta la produzione industriale di succhi definiti “granatine” sono in realtà miscele di succhi di ribes, lamponi e soprattutto agrumi . La produzione del vero succo di melagrana è molto costosa per via della numerosa mano d’opera impiegata a fronte di un prodotto esiguo: destinato quindi ad un mercato modesto, anche se raffinato. Il succo è spesso usato nelle cucine tradizionali dei paesi d’origine per preparare salse o dolci.

Con la scorza dei frutti, raccolti in Autunno, tagliate a pezzetti e fatte essiccare all’aria si ottiene una polvere utilizzata come decotto: ha proprietà vermifughe, astringenti ed è un buon cardio-tonico. Le scorze dei frutti hanno anche proprietà aromatiche e sono utilizzate per dare il gusto amarognolo a Vermouth e aperitivi.

Simbolo di fertilità, abbondanza e matrimonio, in Grecia è in uso, quando si compra una nuova casa, mettere come primo dono sull’altare domestico un frutto di melograno come simbolo di fertilità e buona fortuna. Il frutto ha colpito l’immaginazione dell’uomo fin dai tempi più antichi influenzando il simbolismo di molte culture tra le quali la babilonese, l”ebraica, la cristiana.

Quando acquistate un melograno osservate che il frutto sia ben maturo e cioè quando la buccia cuoiosa si secca e comincia  a mostrare piccole crepe: se comprate frutti dalla colorazione verde metteteli in un cesto insieme a ricci di castagne e foglie autunnali, una composizione azzeccata da tenere in bella vista in attesa che i frutti maturino.

L’infuso dei petali viene utilizzato come rinfrescante per le gengive.

Doccia cremosa al melograno per mantenere  e fortificare la salute della pelle. Crema per mani per un’azione rigenerante. Il melograno , ricco di acido ellagico, è utile a contrastare l’invecchiamento cutaneo

Annunci

3 thoughts on “Il Melograno

  1. Un albero meraviglioso e colorato mangiarlo così non mi piace però con la spremuta mmmmmmm quelli che vi abbiamo dato come erano …??? ottimi consigli letti grazie

  2. Davvero, è un potente antiossidante.Me lo hanno chiesto in tanti rivedendo i frutti, in questo periodo, ben evidenti sugli alberi:fa benessimo, non bene. Attenzione, naturalmente, ai sofferenti di diverticoli intestinali: il succo sarà un ottimo sostitutivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...