Mauro Biglino, Uomo dell’Anno.


Risultati immagini per youtube mauro biglino immagini

 

Ai vari attacchi che sta subendo Mauro Biglino: un uomo coraggioso e degno della massima stima . La mia personale opinione è che dovrebbe essere eletto ” Uomo dell’Anno”! Una lezione di vita, scomoda per chi tiene i fili del potere mondiale ma utilissima per chi è alla ricerca della verità.

 

 

Annunci

Difficile crederci ma poi ci si arriva.


Quota cento, stasera su .: ” Non è Lisa del Giocondo”. Non avrei mai creduto a questa prospettiva anche perchè in campo dell’arte non ti si fila nessuno compreso il Ministro Franceschini Dario a cui non sembrano interessare i vari sviluppi artistici su Lionardo da Vinci che avrebbero dovuto incollarlo alla poltrona ed ai fascicoli, ferie o non ferie. Stiamo parlando di svolte epocali con tanto di testimonianze via email,ma il ministro non si degna di una risposta di cortesia come un qualsiasi impiegato.

Franceschini , il suo posto lo stiamo pagando noi e lei è in dovere di una qualsiasi risposta anche di routine. La sua segretaria aveva assicurato dell’accertato recapito della email: quale ostacolo la impedisce ad una corretta linea di condotta con il suo Ministero dei Beni Culturali? Ricorda? ” Ministro dei Beni Culturali”. Se lei non è all’altezza del mandato per cui ha ricevuto i voti, deleghi qualcuno che sappia almeno rispondere.
Lionardo: “l’uomo vitruviano”
Gallerie dell’accademia di Venezia cat. 228344×245 mm.
la proporzione aurea > 2/(√5 -1) = 1,618033989.
 

Per i vicoli di Albano


Ricordo persone di Albano, quelle toste che sono ancora tra noi…

stupendizia

Giovani,  spensierati ci piaceva costruire castelli in aria, i sogni nel cassetto erano u’antica riserva da tirar fuori nei momenti di depressione…

Trasformavamo questa valle di lacrime e nano-particelle nel più fulgido dei prati scoppianti di margherite ed altre fragranze…respiravamo, a pieni polmoni, tutto l’ossigeno di Einstein, propagato da miliardi di soli da lui sparsi, a caso, come miliardi di dadi, solo per noi, per il nostro gioco infinito, non contaminato dai giochi assurdi dei politici, adulti, annoiati, già contaminati dall’ossido di carbonio. Non costruivamo, perché il tutto ci veniva intorno a nostra insaputa: volevamo un mondo più giusto, bello, verde…

Incontravamo, per caso, le persone adatte che ci attiravano con i loro salubri odori…Li seguivamo a fiuto con letizia.

 Salvatore Ekinokos, anima candida, che predicava la fratellanza, l’uguaglianza….moderno Robespierre che fu fatto fuori fisicamente, voce di popolo, all’ospedale di Albano, al C.T.O. perché patrono delle classi indigenti, non istruite…

View original post 2.176 altre parole

Stufa dei cretini


Sono stufa dei cretini, di quelli che occupano posti per cui dovrebbero stare in coda. Ci stiamo strutturalmente programmando per essere il vuoto del Pianeta: ha ragione Mauro Biglino quando afferma che Jawhè ci ha tolto la terza elica e siamo ” gli schizzati” della Terra. Altrimenti perchè. ragionevolmente, ci stiamo comportando in questo modo, distruggendo la casa che ci ospita?

La formella di Leonardo da Vinci presentata in anteprima mondiale al museo Ideale a Vinci.


Leonardo scultoreSei in: Archivio > Il Tirreno > 1999 > 05 > 11 > Leonardo scultore, al Mus…
Leonardo scultore, al Museo Ideale sarà presentata formella d’ottone

VINCI. Potrebbe diradarsi il mistero cheavvolge da sempre l’attività di Leonardoscultore. Una formella in ottone, appartenentea un gruppo di privati, documenterebbeper la prima volta quell’«adoprarsinon meno in scultura che in pittura» dicui l’artista stesso parla nel «Trattato dellapittura». La formella sarà presentata venerdìal Museo Ideale di Vinci dagli studiosiche da almeno quindici anni si occupanodella sua attribuzione. La formella, chemisura 32 per 33,5 centimetri, raffigurauna scena campestre con tre angioletti inatteggiamento di danza. «E’ senz’altro di Leonardo -dice Silvio Troiani, appassionatodi arte – come dimostra,in primo luogo, la firma criptatadell’autore: le tre inizialisono rintracciabili in un cespugliocollocato fra i piedidell’angelo centrale e di quellodi destra». Ma secondo Troiani le tracce«d’autore» sono molteplici:«Nella parte alta si vedeonocerchi concentrici che rappresentanogli alberi: ebbene, sonoidentici, come gruppo e posizionegeometrica, a quellidel cosiddetto “disegno diOxford”, lo studio del bracciodell’angelo dell’Annunciazionedi Firenze che ne ha consentitol’attribuzione a Leonardo.E c’è di più: nell’articolo69 del “Trattato della pittura”,Leonardo teorizzò chiaramentecome imparare a dipingerea memoria». Più cauto è Alessandro Vezzosi,direttore del Museo Ideale:«Non ho ancora visto laformella – dice – ma dalle fotoe dai video mi sembra un’operadi grande qualità. Alla presentazioneabbiamo invitatoesperti e professori universitariproprio per aprire il dibattito». «Del resto – conclude Vezzosi- si tratta di un’opera unica,della quale non esistonoparalleli».
11 maggio 1999 sez.