Lionardo e la Formella

Una storia incredibile…ma vera!..

Una scoperta di immenso rilievo in campo artistico: una fusione in ottone di stupefacente bellezza attribuita a Leonardo da Vinci.

Silvio Troiano ci guida attraverso la sua scoperta, e ci illustra con prove inconfutabili l’attribuzione della Formella al Maestro rinascimentale

Prima parte:

 

Seconda parte:

 

Terza parte:

 

Quarta parte:

 

Quinta parte:

 

Sesta parte:

 

Settima parte: le prove finali dell’attribuzione a Leonardo da Vinci

Annunci

12 thoughts on “Lionardo e la Formella

  1. Sono amico di Guido Angeloni, Enzo ti faccio questo meraviglioso regalo, clicca il link e capirai che finalmente sei ricco ma ricco !!! Rispondimi: Nicola

    L’ occhio acritico degli algoritmi della rete sono infallibili e costituiscono il migliore critico ed esperto d’ arte ce possa esistere. Clicca i link sotto e verifica personalmente….altro che Vezzosi e company -N.R. quello della piastrellq del arcangelo gabriele

    https://www.google.it/search?tbs=sbi:AMhZZisvwkINTj8LzJo70Utvz0t6lYEXWPygMg1Zm2HZU3xXGS3XlrkDc0gIoIpOmZ9hnGf1JmrWqWUsPt3lsGfSVvf8t4l40IB-GizwN59EJLzPd1WsShUnmo685l1hGrlvbiZ8c-caTUo3HIB3DSVyB-qxnyyYUNNe_1LBEJjeHebipIaWkuQjOjSOIvPabTtQqu6zPcOuZVRwxO9Xgv-R9H-sAHv-yLkDJwjpZg6pzNisgvgSRek1KdbRSy3U2bgXgIBe9ngi7wi1UZNDqchg3BOQeeUXeJpuOQEiQnviaVzg3234K3_1shH07DxMyScce9wiPYfirqW9ha1nRh3C-3xaf2NRuAHGc3VQwPIpKAZuNjmj6JlxRNR5p-kLXoYYjIRm8iK2LtbODkH-ku6nJG5poRkV3-GYdri2BA-qzFPTiOunan97nziXG9MglTrp9Gg3lVcuLYq4afqMl5xcJenSuEZjaCJmSuDV0vqc-y21c4GXmmjqji7OakDmOvPb54I8KBg3RNjw56x7bl6xSfczvyvqLSLBj9e_1O6o6UQ105m0SAOfcZ1qXFy3cHSZ5CiwH4OzM1WzWGBYzolOCbOjEOAWGurxpeXOSys9g-xM7Lx15jy3RYTtQNdbMARInxPX4_1KPDweuRTAubPWVPsoUNQdKFjS-cZn_1GP-mWerwDhuyxvad9Tq2dy7aSHzoTzm6WRCeUsA89Kl408AXl4u3blEE4eXzxqrR-EkN6SoqbuCh8TtCCRVaxYWOJiT6EisEbahWNdY1ufKJNB1Qigx_1VQ5UlEIccdY_1o5WvVlJPKD8QP7m2YZb5jWYDUEIqy6n9_1WsD7avwKO0D2CXrenGZY9ybCgaFpwgkPVNCIbhtJiUQOQF3ggLt4vStXj2g5KEUusAz62i8gsEnsTPIGq2EXN2XkjKWpKv6oxZHqfVHut2fDwgmjkkLRO531ooEKQEiyTGSJn1Qx6SY0nK_16ULM12X9M01JEofxsVOe_1cSu79MKFob7Q4El03ce9XsJs-x0aZwTFVMl8clJIzj7E9fP07vEBTImA7Cs6fFmhaeVS0AHs9cf-2o2_1_1RAXnq2G55XYqpJxqf6h3h7hVGow4fkWtc3MjD1ujxb8_1NhriSl4OZndolu6eVgqasUMKei0LBW2bR2ZlinNxQ8EQIYAAY0nF7OPKGPK91WhHD5tskVHRuMtEPwGydw0xC2FAmRQ6tnR5UHzMm96tApfHgPnRls9Z4drmTN3b65f-kXDvciHoPie_1n8tFVwer-3OXsJbB1kRaUUmy2q_1x1emBctTvxFx8XjtIEHaJqr-YtyloEH1gjbvek7KIuNTupI6ILXXr2M-JdrHVnwKK1TG6BQPmgyyv2GsYPzD6GLEJU9D7Ak6Xcq8uMBdeX_1sVjSd467xBAIt3j8nGj6ByVgSSw-E8QwREZduJ-owGUhnq0ffsxNuqZUXE3HoSvwVdchljBYEh2qGTuArBARPB9SIqyAMG0b3GKgbViiFyNtPplMG92K1jQ5tZt5bHi5PMhmo8QwR8RPvBS0q2vMAwUQAvZxkOl6ONXRzca6J19uJuzcOfgCAp-HUzFIe58U-I1QSvix0Y4UBVC59XtbOb5ra5PXHG4LaAybG1FEGOvrz6aExvKNCIgpgYV_1jN4jA9TelCJR3vHwGaq6Jp9LrIARUHMFU3S1ZnAE_1MVgQ

  2. Guido Angeloni Per la miseria, Adelma: hai una prosa travolgente e coinvolgente! Mozzafiato, direi (qualche virgola ogni tanto, per chi fuma?). Bello davvero. Avvincente. Io non posso, però, seguirti su questa strada. Sono un tecnico e tale debbo restare. La formella (nulla so – tecnicamente parlando – della Monna Lisa) è di Leonardo per un motivo tecnico, in quanto tutti i confronti comparativi (verifica) – opere certe di Leonardo danno un esito di riscontro positivo, anche nei dettagli microscopici, così come nel mio lavoro del 2007 dimostro (che peraltro conosci). E’ il trionfo dell’oggetto. Va considerato un manufatto ed in quanto tale racconta una storia e impone fatti. Esattamente quello che avviene in archeologia – per dirne una: la storia è continuamente rimodellata dagli oggetti rivenuti. Nel campo grafico, famosi sono gli affreschi di Castelseprio: debbono essere stati eseguiti in piena epoca longobarda (VII secolo). nonostante costituiscano un unicum e siano completamente dissonanti dalle altre opere dello stesso periodo (sono anche molto belli!!). Questo modo di ragionare è stato portato da me a sistema, sebbene non possa escludere che sia stato anticipato da altri in campi non grafologici. Ovvero è concepito come un universale. Recentemente, ad esempio, mi sono occupato di alcuni diari molto controversi. Verrà il momento – spero – in cui potrò pubblicare: il metodo oggettivo dimostra un’altra verità, ben diversa da quella che è universalmente accettata. Il punto è la supponenza. Chi ha titolo per attribuire un’opera d’arte o un documento storico si comporta come se fosse in possesso di una metodologia perfetta ed autosufficiente. Non ti leggono nemmeno…Prescindono dal metodo oggettivo (studio dell’oggetto). A questo punto ci si chiede: come attribuiscono? Però, appunto per questo, si necessita di spingere sul dato tecnico. Sulla sua evidenza.

  3. buon lavoro ed ottima atmosfera…..bellissimo il filmato della formella che gira e la musica dedicata , ognivolta che si vede …forse dovevano essere piu’ chiari e ripetuti i riferimenti per l ‘ acquisto del libro con le prove , senza modestie …complimentissimi , insomma ..Saverio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...